Google Instant – La nuova concezione del search è nata!

Google Instant confronto

Tempo medio stimato prima di Google Instant (col search tradizionale) ed ora con Google Instant

Google Instant è il nome di una nuova funzionalità di ricerca, di cui già vi avevo accennato qualche giorno fa in un altro articolo, definendolo “search-as-you-type”. E devo dire che è esattamente così! Mentre si digita qualcosa, nel motore di ricerca di Google appaiono i risultati in tempo reale, lettera dopo lettera. Questo è un piccolo passo per “l’uomo della strada”, che poco comprende il significato di questa innovazione, ma un grande salto di qualità per tutti noi “geek 2.0” e non solo! Con questo strumento Google è ora in grado di rinnovare la sua tecnologia ed infrastruttura per aiutare ad ottenere risultati di ricerca migliori ed ancora più velocemente.
Il concetto fondamentale da cui BigG è partito, è che gli utenti digitano lentamente, ma sono in grado di leggere molto più rapidamente; normalmente, infatti, tra una battuta e l’altra sulla tastiera passano 300 millisecondi, ma ci vogliono solo 30 millisecondi (un decimo del tempo) per spostare lo sguardo su un’altra sezione della pagina. Questo significa che l’occhio umano può scorrere la pagina mentre la mano digita, senza alcun problema e leggere abbastanza bene almeno i primi risultati.


Il cambiamento più evidente è che si possono trovare i contenuti che si desiderano molto più rapidamente di prima, dal momento che non serve più finire di digitare il termine di ricerca né premere il pulsante “Cerca”. Inoltre, come già avevo scritto nel mio precedente articolo sull’argomento, in corso di digitazione possiamo provvedere a mutare la stringa di ricerca, magari leggendo qualcosa di più interessante su un argomento, che non ci era saltato in mente. È possibile tornare indietro nella ricerca, lettera per lettera, semplicemente cancellando le lettere già digitate, per correggerla fino a trovare ciò che si cerca. In futuro, probabilmente, ci stupiremo di come la ricerca potesse funzionare diversamente! 😉

I vantaggi sono diversi. Per prima cosa le ricerche sono più veloci: prevedendo il termine di ricerca e mostrando risultati mentre digiti, Google Instant permette di risparmiare da 2 a 5 secondi per ogni ricerca.
Previsioni più intelligenti: anche quando non si sa cosa sia meglio cercare, le previsioni aiutano ad indirizzare la ricerca. La prima previsione viene visualizzata in grigio direttamente nella casella di ricerca, in questo modo basta smettere di digitare la stringa di ricerca, non appena compare ciò che si intende cercare.
Una ricerca minuziosa, come quella offerta da Google Instant, con variabili mostrate in tempo reale, lettera per lettera, permetterà a tutti noi di modificare una piccola parte della nostra quotidianità, ovvero la modalità di ricerca delle informazioni e la tempistica di accesso.

Alcune curiosità ci mostrano cosa vuol dire passare dal search tradizionale all’instant search. Prima di Google Instant, mediamente ci volevano più di 9 secondi per digitare un termine di ricerca e si sono visti casi limite  in cui sono stati impiegati da 30 a 90 secondi per digitare le ricerche; pertanto Google Instant fa risparmiare da 2 a 5 secondi per ogni ricerca. Si è stimato che se tutti gli utenti usassero Google Instant, ci sarebbe un risparmio pari 3,5 miliardi di secondi al giorno, vale a dire 11 ore risparmiate al secondo (circa 111 anni in tempo umano risparmiati ogni giorno). 😉

Vi ricordo che Google Instant è disponibile in Italia visitando www.google.it, mentre non è attivo per gli utenti con iGoogle funzionante. Se invece desiderate saperne di più su Google Instant, visitate http://www.google.com/instant.
A breve, una volta testato il servizio, sarà il caso di riprendere in esame l’importanza sempre più fondamentale del posizionamento in cima ai risultati delle ricerche. In 30 millisecondi di certo non si ha tempo di leggere tutti i risultati! Ancora una volta quindi, Google offre un eccellente servizio gratuito con una mano, mentre con l’altra invita tutti i webdesigner a lavorare sodo per il SEO ed il posizionamento dei propri siti web.

  • Facebook
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • HelloTxt
  • del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Digg
  • Netvibes
  • NewsVine
  • Technorati
  • email
  • Add to favorites

I commenti sono chiusi.